Piazza Cavour

 

 

 

DOWNLOAD

GIORNALINO

 

 

LINK

 

Programma PD

 
 

AREA Pd Zona

Inserire la Password

Calendario Eventi

NewsLetter







GIORNI E ORARI DI APERTURA DEL CIRCOLO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

MARTEDÌ - GIOVEDÌ - DOMENICA

Dalle ore 10,00 ALLE ORE 12,00

PIAZZA CAVOUR N.6 BAREGGIO

www.pdbareggio.it
Relazione politica PD Bareggio: Bilancio 2015 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 25 Giugno 2015 18:34

Crediamo che questo Bilancio di Previsione, così presentato, offra una prospettiva d'insieme nella quale emerge la nostra volontà di continuare a puntare sul valore delle nostre forze presenti ssul territorio, sul volontariato, promuovendo la cultura, il turismo, la sostenibilità dell'azione rivolta verso l'economia; il rigore nel rispetto dei conti, che sa però mostrare anche il suo lato umano della  difesa del più debole.

 

 

Scarica la relazione

 

 

Scarica lo schema sintetico

 

 

Sd

 

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 01 Luglio 2015 15:24
 
S-BANDO: progetto giovani PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 08 Giugno 2015 14:36

È tempo per l’Amministrazione Comunale di tirare le somme di ciò che è stato il bando per le Politiche Giovanili: lo S-Bando 2014.

I vincitori di tale bando hanno ricevuto fino a 3.000 € per poter realizzare il progetto che avevano presentato.

 

Ciò si è concretizzato con due progetti: uno svoltosi in Piazza Cavour a Bareggio nella giornata del 24 Maggio da parte di BareggiART, l’altro, ospitato dall’Auditorium di S. Martino, ha avuto carattere continuativo e si è concretizzato in diversi spettacoli teatrali o “colpi di teatro” come li hanno definiti i ragazzi del BEAT, che hanno avuto il loro culmine il 30 Maggio con una rappresentazione teatrale che riprendeva e rivisitava “La commedia degli errori” di William Shakespeare.

Entrambi i progetti non solo hanno dimostrato che “l’investimento” dell’Amministrazione Comunale sulle Politiche Giovanili è stato ben ripagato, ma anche che i giovani di Bareggio non sono figure mitologiche, esistono e hanno voglia di contribuire allo sviluppo del proprio Comune.

 

Il successo degli eventi presentati infatti non è comprovato solo dalla presenza massiccia di cittadini, che hanno accolto di buon grado l’animazione del centro di Bareggio da un lato, e la possibilità di assistere ad un originale spettacolo teatrale dall’altro;

ma anche dall’incredibile capacità di questi progetti di trovare integrazione e un loro spazio all’interno del tessuto sociale già presente sul territorio.

 

BareggiART e BEAT hanno collaborato tra loro e con altre associazioni di Bareggio, hanno sfidato e vinto la paura ad accostarsi alla “macchina burocratica”, si sono divertiti e hanno divertito, tanto da pensare di associarsi.

Con questo bando quindi non si è solo data la possibilità ad alcuni giovani di “responsabilizzarsi” e poter realizzare qualcosa per Bareggio, ma si è arricchito il tessuto sociale, si è promossa l’aggregazione e la coesione sociale, insomma si è data nuova energia al nostro Comune.

Per questo L’amministrazione Comunale ha deciso di riprovarci e di superarsi, dando la possibilità, per il 2015, di realizzare 4 progetti.

 

Per partecipare bisogna essere un gruppo di giovani dai 18 ai 35 anni e presentare un progetto entro le 12.00 del 29 Giugno.

 

Possono aderire sia gruppi di persone non associate sia associazioni e tutte le informazioni possono essere reperite sul sito del comune, dove si trova sia il bando che la modulistica, o rivolgendosi direttamente agli Uffici del Settore Famiglia e Solidarietà Sociale. 

 

 

L'Ass.re alle politiche sociali

Livian Santi

 
Dichiarazione di voto sul rendiconto di bilancio 2014 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 30 Aprile 2015 22:29

L’amministrazione Lonati nel 2014, in  un contesto legislativo a dir poco incerto e in continuo cambiamento, ha adottato il suo PRIMO bilancio armonizzato che ha inciso profondamente sulla gestione dei sistemi contabili e sull’organizzazione della nostra macchina amministrativo finanziaria, che in sostanza ha comportato un cambiamento radicale sia negli schemi sia negli allegati di bilancio, e ancor più per quanto riguarda i concetti di competenza finanziaria, di residui, di avanzo di amministrazione, senza dimenticare l'introduzione di nuove voci di bilancio come il fondo pluriennale vincolato e la reintroduzione della contabilità di cassa.

 

I più gravosi adempimenti per l'avvio di questo riassetto finanziario sono stati:

L’adeguamento del sistema informatico, contabile e organizzativo dell'ente;

  • La riclassificazione per missioni e programmi dei capitoli del Peg.
  • L'organizzazione delle attività di riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi;
  • L'acquisizione d’informazioni per l'esatta quantificazione del fondo crediti di dubbia esigibilità;

Malgrado questo, i quattro perni che hanno sostenuto il bilancio 2014 si sono caratterizzati per la salvaguardia e il mantenimento dei servizi, potenziando e migliorando l’offerta di quelli socio-assistenziali ed educativi, attraverso la razionalizzazione e il controllo della spesa, per il recupero dell’evasione e della predisposizione d’imposte progressive, in base al principio ‘chi ha più, dà più, chi ha meno, dà meno.

Sono scelte politiche che rivendichiamo e che abbiamo già rivendicato in sede di discussione e di approvazione del bilancio preventivo a giugno dell’anno scorso. Sono scelte che hanno prodotto delle cifre che testimoniano come, nell’ambito di una cornice politica, il lavoro di quest’Amministrazione sia stato un lavoro importante e positivo non solo per la necessità di fare quadrare i conti. Vorremmo ricordare che far far quadrare i conti è una condizione imprescindibile che invitiamo tutti a non sottovalutare; sarebbe facile rompere i vincoli del patto di stabilità o allargare le maglie senza riflettere sulle conseguenze.

 

La nostra amministrazione ha fatto scelte non scontate per quanto riguarda la fiscalità locale; le detrazioni previste nella TASI per i figli a carico, oltre a quelle per gli immobili con rendita catastale più bassa, la riduzione (rispetto al 2013) dell’aliquota IMU per gli alloggi concessi gratuitamente a figli o genitori e la scelta di applicare particolari aliquote IMU per le categorie commerciali e produttive (D, C1 e C3), che ci ha fatto balzare tra le prime posizioni di un sondaggio fatto da Assolombarda tra 86 Comuni della Provincia tra Monza, Milano e Lodi; sono la evidente prova che la nostra amministrazione non intende risolvere i problemi derivanti da risorse sempre più scarse agendo sulla leva fiscale, di fatti i cittadini hanno pagato con la TASI cifre indicativamente vicine i alcuni casi anche inferiori a quelle che avrebbero pagato con la vecchia IMU.

 

Siamo inoltre orgogliosi di essere maggioranza che amministra un Comune capace di diminuire il trend per quanto riguarda l’esposizione debitoria della nostra Amministrazione comunale! Ha una ricaduta importante per i cittadini bareggesi, non è un dato statistico che mettiamo in una tabella a disposizione dei tecnici, non è un’interpretazione numerica. È una questione politica che ci consente di sbloccare risorse!

Gli indicatori finanziari riguardo al grado d’incidenza dei residui attivi e passivi hanno avuto un miglioramento dei flussi finanziari dal 2012 al 2014 di quasi il 55 % a dimostrare come il nuovo principio contabile anche nel corso del primo anno di applicazione abbia funzionato.

Riguardo alla parte di avanzo di amministrazione dobbiamo affermare, dati e numeri alla mano, che il quadro che c’è stato offerto da alcuni interventi  delle forze politiche di opposizione che ci hanno preceduto sia, quantomeno, un quadro parziale che omette ciò che c’è di politico in quanto presentato oggi.

 

E’ doveroso premettere che la rappresentazione DELL’AVANZO secondo la categorizzazione ottenuta per mezzo del nuovo principio dei sistemi contabili, risulta essere costituita da stanziamenti comunque utilizzabili .

Numeri alla mano, da citare in particolare la parte degli importi accantonabili (FCDE e FSR) che da 773 milaeuro del 2013 è passato a 1 milione 970 milaeuro, e come nota dolente l’iscrizione in avanzo vincolato di circa 170 mila euro, per una parte di IMU che non è stata trattenuta dall’Agenzia delle Entrate come quota a carico dell’Ente per alimentare il Fondo di solidarietà. Questa cifra e stata iscritta appositamente in avanzo e sarà applicata al bilancio di previsione 2015 al fine di neutralizzare il recupero che lo Stato effettuerà sulle entrate di spesa corrente di spettanza comunale 2015.

 

Per quanto concerne L’AVANZO DERIVANTE DALLA GESTIONE DI COMPETENZA IN CONTO CAPITALE, ammontante a circa 631 mila euro, (606.000,00 se si tiene conto del minore accertamento di  € 25.000,00 registrato in entrata ma poi re-imputato al 2015, anno in cui diverrà esigibile il contributo a seguito di apposita rendicontazione), si rileva che l’importo per il rispetto del patto di stabilità, era fissato a 279 mila euro.

Ne deriva quindi che l’importo fisiologico DELL’AVANZO DELLE SPESE IN CONTO CAPITALE 2014 è stato pari a circa 352 mila euro !!

Tuttavia è necessario rilevare che l’importo di € 352.000,00 deriva in buona parte da un maggiore saldo positivo tra accertamenti e  impegni di parte corrente, rispetto a quanto previsto al primo  dicembre 2014 e da un saldo positivo tra maggiori e minori riscossioni in conto capitale, anch’esso realizzatosi nel mese di dicembre, quando comunque sarebbe stato impossibile sia apportare variazioni al bilancio 2014 (assestamento entro il 30 novembre) sia procedere ad  acquisti o realizzazione di opere, ove stanziati idonei fondi,  con relativi pagamenti da effettuare comunque entro il 31 dicembre.

 

Per quanto riguarda L’AVANZO DI PARTE CORRENTE risultante pari a circa 957 mila euro, è doveroso premettere che a causa di alcuni accertamenti di entrata, tra i più significativi :

  • Il maggiore accertamento IMUper complessivi 108 mila euro, realizzatosi a fine dicembre.
  • Il maggiore accertamento di circa64 mila euro realizzatasi dopo l’attività di assestamento a seguito della comunicazione a fine dicembre dei proventi distribuzione gas metano secondo trimestre.

Oltre che da alcune spese non utilzzate di parte  corrente come:

  • 182 mila euro per spesa prevista per il PGTma non utilizzata in quanto in mancanza di un quadro normativo chiaro entro quale muoversi la Regione Lombardia da la possibilita’ di mantenere validi i PGT per ulteriori tre anni.
  • 262 mila euro per spese  non  impegnabili  (F.C.d.E.  previsto  2014  e  accantonamento  recupero  assenze  per malattia)

Considerato quanto premesso, L’AVANZO DI PARTE CORRENTE si ridurrebbe a circa 341 mila euro, senza considerare altre spese minori, e sopraggiunte nell’ultimo mese.

 

Per quanto riguarda il FCDE, sono stati accantonati circa 545 mila euro per la natura non integralmente esigibile di determinate e importanti somme che hanno causato come diretta conseguenza la contrazione degli impegni da assumere rinviandole, ove possibile, nella spesa all’esercizio successivo.

 

Un altro indice di notevole rilevanza, riguarda il minore incremento del fondo cassa, che durante lo scorso anno è aumentato di 1'018'000 di euro, mentre nel 2014 è aumentato di soli 392'000 euro. Premesso tutto questo, dopo il riaccertamento dei residui attivi e passivi e della determinazione della composizione dell’avanzo di amministrazione, si registra una cifra libera di avanzo di circa 170 mila euro che è diminuita di circa 130 mila euro se confrontata all’avanzo libero calcolato a fine esercizio 2013 dopo il riaccertamento dei residui con i medesimi criteri.

 

Terminiamo dicendo che diventa sicuramente necessario incrementare l’efficienza razionalizzando le spese, anche alla luce dei continui tagli nei trasferimenti e ai decreti che aboliscono tributi fondamentali, e dall’altro sviluppare l’efficacia dell’azione attuando sulla base di questa nostra prima esperienza le correzioni in alcuni settori strategici soprattutto relativamente alle opere, soddisfacendo i cittadini tradizionalmente scontenti dei servizi ottenuti.

Ci siamo, vogliamo continuare ad andare avanti insieme sapendo che quello che stiamo offrendo alla città non è il compitino ben svolto a casa, ma è un risultato importante, positivo, un risultato che offre un quadro di tenuta, se non di avanzamento della qualità e della quantità dei servizi che offriamo. Dobbiamo essere consapevoli di questo. Come gruppo del Partito Democratico e della lista civica Io Amo Bareggio, siamo pronti a un voto positivo a questo rendiconto di bilancio che c’è stato presentato.

Grazie.

Ultimo aggiornamento Giovedì 30 Aprile 2015 22:59
 
Piazza Cavour 03-2015 PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 19 Marzo 2015 15:56

 

 

E' on line Piazza Cavour di marzo 2015

il giornalino del Circolo "25 Aprile" PD Bareggio

 

 

Scaricalo

 

 

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 19 Marzo 2015 16:04
 
Stop al rapporto politico con "Voi con Noi" e "In Volo" PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 27 Febbraio 2015 07:54

 

I comportamenti e gli atteggiamenti messi in campo fin dagli inizi del nostro mandato dai rappresentanti delle liste "Voi con noi" e "In volo" hanno eroso ogni margine di collaborazione conducendoci gradatamente verso un’insanabile rottura politica.

Tale rottura è da imputarsi sicuramente ad una diversa concezione  che taluni hanno sempre tenuto nei confronti dell’Amministrazione e della distinzione che ciò comporta, al rispetto dei ruoli che la politica deve mantenere al fine di non ingenerare fraintendimenti di fondo che spesso sconfinano nella competenza che ognuno di noi ha, ma che rischia di  sovrapporsi alla competenza  meramente tecnica che è  propria degli uffici.   

“Voi con Noi” e “In Volo”, hanno più volte attribuito alla politica un ruolo prevalente e prevaricante su ogni altro soggetto, generando con questo atteggiamento continui malesseri e ostilità che hanno portato già in precedenza ad una crisi politica causata dalla loro pretesa imposizione nei confronti del Sindaco di sfiduciare un assessore e successivamente di isolare un consigliere.

Inoltre, il loro atteggiamento ha contribuito a rendere difficile la creazione di un autentico “spirito di squadra” all’interno della giunta e ha prodotto un clima difficile, caratterizzato da continui attacchi all’operato di tutti gli assessori tranne che del Vice Sindaco Lampugnani, loro rappresentante, il quale si è “limitato” a fare l’Assessore, tralasciando quel ruolo politico di Vicesindaco, che come “braccio destro” del Sindaco, avrebbe potuto assolvere nel coordinare la giunta svolgendo quel ruolo di cerniera necessaria per appianare differenze  e dissensi che ogni coalizione inevitabilmente porta con se, dovute alle diverse sensibilità presenti.

In secondo luogo, l’incompatibilità si è rivelata più volte nell’atteggiamento che le due liste hanno tenuto nell’organizzazione del lavoro della maggioranza e nel processo di presa di decisione delle priorità politiche, a volte francamente incomprensibili.

È proprio questo ultimo punto che ha segnato una spaccatura netta e non più ricucibile.

Quello che il PD e IAB non possono più accettare, infatti, è che data questa incompatibilità si renda impossibile un’amministrazione che lavori in modo sinergico nell’interesse di Bareggio.

Proprio per questo abbiamo stilato un elenco di priorità che come opere saranno realizzate entro il 2015 e che andranno a incidere positivamente e realmente sulla vita della comunità.  

In primo luogo, stanzieremo circa 400.000 euro per le opere pubbliche. In particolare, abbiamo in programma la riqualificazione degli alloggi ERP tramite interventi di manutenzione che intervengano sui gravi problemi degli immobili, quali ad esempio le infiltrazioni d’acqua; la realizzazione di interventi migliorativi agli edifici scolastici, tra cui la sostituzione delle caldaie a gasolio, che porteranno vantaggi sia economici sia ambientali;  sempre all’insegna sia del risparmio sia della sostenibilità ambientale, un importante progetto sarà la riqualificazione dell’illuminazione pubblica tramite la progressiva sostituzione di quella attuale con lampade a LED, tecnologia che sarà utilizzata anche nel nuovo impianto per le luci votive del cimitero; i fondi verranno inoltre utilizzati per il rifacimento dei manti stradali, in particolar modo di Via S. Protaso e della rotonda E. Ferrari;  Sempre in ambito urbanistico e di lavori pubblici, vogliamo costituire un gruppo di lavoro per avviare un progetto di recupero dell’area dell’ex cartiera che possa dare un nuovo volto e una nuova identità al centro storico di Bareggio, in direzione socialmente ed ecologicamente sostenibile non dimenticando l’interesse pubblico che deve essere preminente.

Sul piano dei servizi, vogliamo continuare nel progetto di ricerca di una maggiore efficienza e accessibilità, anche grazie all’avvio di un programma di progressiva informatizzazione interna e della creazione di uno sportello polifunzionale che fornisca ai cittadini informazioni rapide e complete. Miriamo poi ad interventi di sviluppo del territorio che attueremo nell’ambito del Distretto dell’Attrattività Turistica al quale Bareggio ha aderito con altri 13 comuni dell’Est Ticino: anche in funzione della prossima EXPO vogliamo avviare azioni che rendano il paese “più vivo e vitale” e pertanto più abitabile ed attrattivo sul fronte delle Politiche per il Lavoro oltre a proseguire con l’erogazione dei servizi dello Sportello Lavoro e con l’utilizzo di voucher lavoro, che hanno già permesso l’inserimento di 6 persone all’interno degli uffici comunali, si stanno avviando laboratori di Marketing Territoriale per favorire lo sviluppo e la creazione di micro-imprese locali.

Ci auguriamo che gli elettori delle liste "Voi con noi" e "In volo" e tutti i cittadini Bareggesi, comprendano che in questi 19 mesi di governo, tutti i principali attori politici, i gruppi consiliari del Partito Democratico e di Io Amo Bareggio e il Sindaco hanno compiuto ogni sforzo per garantire la tenuta della coalizione. Purtroppo, sono entrati in gioco atteggiamenti culturali e intellettuali continuamente ostili nei confronti di un quieto vivere politico e costruttivo, presupposto fondamentale per collaborare: allora si diventa incompatibili e non rimane più spazio per la buona politica, quella che la gente pretende da noi.

Per questo, io Amo Bareggio e il Partito Democratico, congiuntamente col Sindaco, intendono interrompere il rapporto di collaborazione politica con le liste civiche “Voi con Noi” e “In Volo”, proseguendo il mandato di governo attraverso la formazione di una nuovo assetto politico di maggiorana che vuole rinnovare una ancora più rafforzata fiducia nei confronti del sindaco e di questa amministrazione.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Febbraio 2015 08:01
 
Ambito scolastico: Risposta alla Lega PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Sabato 14 Febbraio 2015 11:26

Non ritengo né false né inventate le segnalazioni che ultimamente ha denunciato la Lega riguardo il nostro ambito scolastico.

La Lega afferma che dovremmo piuttosto domandarci sul perché i cittadini non rivolgono le loro istanze a noi.

La realtà è che essendo in maggioranza non abbiamo bisogno di fare né interrogazioni né mozioni per sollecitare l’amministrazione a provvedere su problematiche o segnalazioni da parte dei cittadini. La differenza è che mentre la Lega fa gli articoli sui giornali noi facciamo i fatti. Vorrei a questo proposito fare chiarezza sui i disagi sorti al rientro delle vacanze natalizie riguardo i lavori di imbiancatura presso la Scuola dell’Infanzia di Via Gallina.

Il nostro Sindaco Giancarlo Lonati, circa 1 anno fa ha fatto personalmente una richiesta al governo Renzi per aderire al progetto “scuole belle” e ha ottenuto circa 50 mila euro di fondi per eseguire dei lavori di riqualificazione nelle nostre scuole. Fondi che sono stati erogati dal ministero direttamente al nostro Istituto e in seguito suddivisi alla scuola infanzia Munari per circa 8400 euro, alla scuola infanzia di Via Gallina per circa 11200 euro, e alle elementari Rodari per circa 29500 euro. L’amministrazione è stata coinvolta il 19 settembre 2014 per assicurare l'esecuzione dei lavori maggiormente necessari: riparazioni degli arredi scolastici, riparazione degli infissi in legno al piano terra, ed altri lavori.

Tutto l’iter successivo è stato caratterizzato da un rapporto diretto tra Ministero e il nostro Istituto, a cominciare dall’assegnazione dei lavori a una impresa tramite apposito bando di gara e il conseguente rapporto organizzativo che è stato inquadrato all’interno di una cornice definita tra la scuola e la società che si è aggiudicata l'appalto dei lavori; a dimostrazione di ciò il dirigente scolastico è dovuto andare a Milano per degli incontri gestionali.

I lavori sono stati inseriti in una finestra temporale che andava dal 20 dicembre al 6 gennaio. L’amministrazione non avendo seguito l’organizzazione di questo processo, si è sentita chiamata in considerazione solo alla mattina del 7 gennaio, quando su relativa richiesta non ha esitato a mandare degli operai per aiutare a mettere in ordine il più in fretta possibile qualche oggetto ancora fuori posto, che comunque non comprometteva l’agibilità del normale corso delle lezioni.

La strumentalizzazione della Lega è palese ed emerge dall’assurda accusa di manchevolezza, aggravata dal presupposto per cui riguardo la scuola i genitori pagano la retta al Comune, il quale deve garantire efficienza. Forse non sanno, o peggio ancora fanno finta di non sapere, che i cittadini al Comune pagano il trasporto scolastico, il servizio pre-post scuola, e indirettamente la mensa che è esternalizzata, perché la scuola statale è, per legge, gratuita e tutto il personale scolastico è a carico dello Stato che provvede alla sua retribuzione e alla sua gestione, senza oneri a carico delle famiglie.

 

Riguardo la Mozione della Lega per l’installazione di una pensilina all’ingresso della Scuola dell’Infanzia di Via Gallina, pur considerando le osservazioni riferite dai genitori, che per altro esprimono un'esigenza comune anche nella scuola materna Munari, gli uffici competenti si sono confrontati con le insegnanti della scuola.

Queste ultime, pur non sottovalutando l’utilità di una eventuale pensilina, hanno fatto notare la presenza di almeno due interventi ritenuti maggiormente prioritari e che avrebbero una ricaduta diretta sugli alunni e sulla didattica. Si tratta della realizzazione di una struttura mobile a soffietto che consenta di ricavare almeno due spazi abbastanza isolati rispetto all'ingresso e al corridoio in uno dei due saloni, in questo modo tali spazi verrebbero utilizzati come aule aggiuntive.

A questo si aggiunge  la sistemazione del giardino e la sostituzione dei giochi più mal messi. Queste sono segnalazioni del personale che lavora dalle 8 alle 10 ore al giorno e che ha maggiore consapevolezza delle esigenze scolastico-strutturali, esigenze che l’amministrazione, nel rispetto dei vincoli di bilancio, cercherà di considerare come stanziamenti da impegnare nel 2015.

Concludo volendo rassicurare il capogruppo Silvia Scurati della Lega Nord. Noi non vogliamo né imbavagliarli né accusarli di inventare segnalazioni. Ha ragione quando dice che i consiglieri servono anche a questo, ma un buon consigliere, prima di fare certe affermazioni sugli organi di stampa, alimentando il malcontento tra la gente, dovrebbe attendere almeno la seduta del consiglio comunale, per ascoltare le risposte dell’amministrazione e dei consiglieri di maggioranza. Questo penso sia il comportamento più intellettualmente corretto e politicamente nuovo da tenere, perché solamente in questo modo potranno eventualmente sollevare le loro critiche basate su un quadro informativo più completo, e attendibile pronto per essere comunicato ai cittadini.

 

Il Segretario

Ivan Andrucci

 

 

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Febbraio 2015 11:34
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 25

Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information